ConserveRicette

Vino cotto di carrubbe

Pubblicato il
Condividi:

Il vino cotto di carrubbe è uno sciroppo denso estratto dalle carrubbe, si prepara principalmente nel mese di agosto quando il frutto raggiunge la maturazione e cade dall’albero. Le proprietà del vino cotto di carrubbe sono molteplici è curativo e delizioso anche in tavola, da che sono nata un bel cucchiaio di vin cotto la sera è magico nella cura della tosse. Qui in Sicilia il vino cotto di carrubbe è utilizzato per preparazioni di biscotti torte e per intingervi dolciumi fritti come le zeppole di San Martino. 

Ingredienti:

carrubbe mature (quantità che si desidera)
cenere di legna
acqua q.b.

Procedimento:

Selezionate le carrubbe eliminando quelle rovinate. Spezzettate o frantumate le carrubbe finemente aiutandovi con un martello. Eliminate tutti i semi possibili. Sistemate il trito di carrubbe in una ciotola e ricoprite di acqua fino a ricoprirle circa 2 cm oltre i frutti come si fa per i legumi e lasciatele in ammollo per tutta la notte 10-12 ore sistemandovi un peso sopra.

Al mattino seguente il trito di carrubbe si presenterà morbido, versate il tutto acqua compresa in una pentola capiente dai bordi alti e portatele ad ebollizione per circa 2 ore mescolandole di tanto in tanto, appena bolliranno abbassate la fiamma mantenendo un leggero bollore. Trascorse le 2 ore di cottura spegnete la fiamma ed attendete che si intiepidisca il composto, quando vi accerterete che sarà tiepido aggiungete una manciata di cenere mescolate chiudete il coperchio e lasciate riposare fino al mattino seguente esattamente 24 ore.

La cenere serve a togliere quella sensazione sgradevole in bocca che producono i frutti aspri o acerbi, insomma per togliere il gusto all’appante. Trascorso il tempo di riposo con la cenere filtrate il composto raccogliendo tutto il liquido, è molto importante filtrare bene meglio se con una garza fitta pressando il trito di carrubbe.

Raccolto il liquido trasparente ma già leggermente marroncino versatelo in pentola e portatelo in ebollizione poi abbassate la fiamma e lasciatelo cuocere per circa 90 minuti finché comincia a fare delle bollicine piccole e numerose (come potete vedere nel video). Bisogna ottenere uno sciroppo nero e dolce ma non troppo denso quando raffredda quindi state attenti e sorvegliatelo. Quando lo sciroppo sarà pronto versatelo un una bottiglia e conservatelo a buio, potete utilizzarlo per diversi anni.

Potete aggiungere qualche mandorla allo sciroppo per conservarlo, nel tempo rilascerà un leggero aroma di mandorla gradevolissimo.

Condividi: